Simboli e tradizioni pasquali

Simboli e tradizioni pasquali

Pubblicato il 18.04.2017, da Gloria Metelli | Categoria Cultura & tradizioni

Quando parliamo di uova da cercare in giardino o da decorare, quando immaginiamo i coniglietti, i pulcini o le campane di cioccolato o quando gustiamo un cosciotto d’agnello, pensiamo inevitabilmente a un periodo ben preciso. Nell’immaginario comune, questi elementi vengono associati alla Pasqua, che quest’anno cade il 16 aprile. Tali simboli hanno certamente origini lontane. Il coniglio è, infatti, un simbolo di fecondità di origine tedesca che indica la fine della Quaresima e l’arrivo delle belle giornate. Quanto alle uova, sono anch’esse legate al rinnovamento e alla rinascita, cosa che ricorda il tema della risurrezione di Cristo.

Buona Pasqua! in Italia, Happy Easter! nel Regno Unito, Frohe Ostern! in Germania, ¡Felices Pascuas! in Spagna: la Pasqua è una festa celebrata in molti paesi. Come la festeggiano, per esempio, i francesi? In generale, i genitori nascondono delle uova in giardino o in casa. In molte città e paesini vengono organizzate anche delle “cacce all’uovo” per bambini.
In Francia, l’agnello pasquale è una tradizione culinaria rispettata da molte famiglie. La maggior parte dei francesi ha l’abitudine di preparare un cosciotto d’agnello, servito con patate, fagiolini o fagioli (in francese, il cosciotto, cioè la zampa posteriore dell’agnello, si chiama “gigot”).

Per concludere, che ne diresti di qualche espressione idiomatica che richiama… le uova e i coniglietti? Ad esempio, « mettre tous ces œufs dans le même panier » (letteralmente, mettere tutte le proprie uova nello stesso paniere) significa convogliare tutte le proprie risorse su un solo progetto, con il rischio di perdere tutto in caso di problemi. « Va te faire cuire un œuf » (vai a farti cuocere un uovo) è un’espressione più familiare, utilizzata quando si è nervosi. Significa qualcosa di simile a “lasciami stare!” Infine, « poser un lapin à quelqu’un » (dare un coniglio a qualcuno) significa non presentarsi a un appuntamento privato o professionale. Divertente, no?

Buona Pasqua a tutte e a tutti!

Pubblicato il 18.04.2017, da Gloria Metelli | Categoria Cultura & tradizioni
CIA